Non date il Salame ai Corvi

Non date il Salame ai Corvi

AVEVO AVUTO UNA BUONA OCCASIONE
MA NON RICORDO BENE QUANDO E COME
SO SOLAMENTE DI AVER CHIUSO UN PORTONE
E TUTTI INTORNO A DARMI DEL COGLIONE
NON TI NASCONDO CHE MI AVEVANO DATO
TRE MONETE PER TAPPARMI IL FIATO
ERO TALMENTE AL VERDE MA FU UN ERRORE
DOPO UN ABORTO COSI' PER POCO NON NE USCII
MA OGGI CHE GIORNO E'
E' SOLO UN GIORNO COME UN ALTRO
UGUALE A SE'
UN NUOVO GIORNO CHE RITORNA
COSI' COM'E'
COM'E' CHE L'OGGI SEMBRA UN GIORNO
DISTANTE DA TE
E' ANCORA GIORNO 
E UN GIORNO COS'E'
SE E' GIA' PASSATO COME UN ALTRO
UGUALE A SE'
UN NUOVO GIORNO CHE SOGGIORNI DENTRO DI ME
COM'E' CHE L'OGGI SEMBRA UN GIORNO
DISTANTE DA TE
OGGI NON FA PER ME
NE AZZECCO UNA NE CANNO TRE
CI SAREBBE DA FARE MOLTO DA DISFARE
E MANDARE TUTTO A PUTTANE
COSI' MI TOCCA PURE DI PAGARE
MA OGGI CHE GIORNO E'
E' SOLO UN GIORNO COME UN ALTRO
UGUALE A SE'
UN NUOVO GIORNO CHE RITORNA
COSI' COM'E'
COM'E' CHE L'OGGI SEMBRA UN GIORNO
DISTANTE DA TE
E' ANCORA GIORNO 
E UN GIORNO COS'E'
SE E' GIA' PASSATO COME UN ALTRO
UGUALE A SE'
UN NUOVO GIORNO CHE SOGGIORNI DENTRO DI ME
COM'E' CHE L'OGGI
SEMBRA UN GIORNO DISTANTE DA TE
E' ANCORA GIORNO
CARLO SONO UBRIACO
CARLO MI SONO LASCIATO
NON SENTI CHE STO URLANDO COME UN OSSESSO
SUL PORTONE D'INGRESSO
E SCHIACCIO A CASO I CITOFONI E I VICINI
SONO SVEGLI NEI LORO APPARTAMENTI AL SICURO
MA TEMO SE CONTINUO SARANNO GUAI SERI INSOMMA
CARLO MI HANNO MINACCIATO
CARLO DICONO E' REATO
E' TUTTA LA NOTTE CHE MI DANNO DA BERE
ED IO PER FARE IL GENTILE NON HO SAPUTO RIFIUTARE
TU NON SAI QUANTO SIA POCO CIVILE
NON PARTECIPARE E' DA VILE
NON E' MODO DI FARE INSOMMA
CARLO DAI APRI IL CANCELLO
CARLO SONO IO TUO FRATELLO
MA TU CONTINUI A FARE FINTA DI NIENTE
ALLE CINQUE DEL MATTINO CAPISCO L'ORARIO E' INDECENTE
PERO' CREDIMI CHE IN GIRO C'ERA UN SACCO DI GENTE
E TI SEI PERSO UNA SCENA A DIR POCO DIVERTENTE INSOMMA
CARLO MI HANNO SEQUESTRATO
CARLO MA SONO SCAPPATO
CARLO MI AVRANNO DROGATO
CARLO COL CAFFE' MACCHIATO
E LEI 
DUE ANNI INSIEME E GIA' SEMBRAVA MIA MADRE
E IO IL FIGLIO PER BENE
CHE NON HA MAI NIENTE DA FARE
PERO' A PORTARE A SPASSO IL CANE
SVUOTARE L'IMMONDIZIA CHI CI ANDAVA
MICA LA SUA PIGRIZIA
E' PER QUESTO CHE SERVONO GLI AMICI
QUI SI TRATTA DI DARE NON OFFENDERTI
SE ANCH'IO HO UNA MORALE
PERO' APRI 
PERCHE' IL CIELO E' SCHIARITO
LO SO E' MIA LA COLPA
MA CHE STRANO CANCELLO
SOLO ADESSO MI ACCORGO
MANCO IL NUMERO E' QUELLO
E POI CHE C'ENTRA LA SCALA IN GRANITO
QUI SEMBRA TUTTO PIU' BELLO
CARLO MI SONO SBAGLIATO
CARLO E' UN ALTRO ISOLATO
CARLO SCUSAMI DAVVERO
CARLO MI SEMBRAVA ASSURDO
CARLO TRA POCO TI SPIEGO
CARLO SONO QUASI ARRIVATO
IL PASSATO E' PASSATO
IL PASSATO E' PASSATO
TU UOMO CHE 
SEI ALLA FERMATA
DEL 33
TI GUARDI INTORNO E
TI SIEDI ACCANTO
UN'ATTESA
TU UOMO MIO
DENTRO ALLE TASCHE
SAI CI FRUGO ANCH'IO
TRA LE MIE SMOKING BLU
POCHI CENTESIMI
NON BASTANO
NEANCHE PER UN CAFFE'
MA PER FORTUNA C'E' UNA LUNA CHE DIGIUNA
IO LE HO FATTO I BUCHI ALLA CINTURA
LUNA MAGRA DA UNA SETTIMANA
CHE SI CONSUMA
E SOPRA DI LEI
FUMO DI SIGARETTA
TU UOMO CHE
SI GIRA IL POLSO
CHE ORA E'
QUASI LE VENTITRE'
MA QUI NON C'E' PIU'
NESSUNO
TU UOMO MIO
DI QUELLE LABBRA
NE SO QUALCOSA ANCH'IO
LABBRA D'AUTUNNO CHE
PIU' NON SI BAGNANO
ADESSO CHE
NON LE APRE PIU' PER ME
MA PER FORTUNA C'E' UNA LUNA SICURA
CHE SE NE FOTTE DELLA PARTE SCURA
LUNA OSCENA SCUSA LA POSTURA  
SE TI DO LA SCHIENA
MA SOTTO DI LEI
LA VITA CHE MI SPEZZA
IN QUESTO GIORNO TUTTO DA RIFARE 
IO MI SENTO NUDO
COME QUESTA STELLA 
CHE HAI STRAPPATO AL CIELO
PER FARNE UNO SCUDO
E BRUCERA' ANCHE QUELLA 
ANCHE QUELLA
E' UNA VITA CHE NON SCENDI GIU'
TU UOMO CHE
STAI LI' SEDUTO SUL 33
POCHE FERMATE E
LA LUNA E' ANCORA LA'
LUNA CHE ABBAIERA'
(NON TI ASPETTAVO QUA)
LA MAMMA DORME GIA'
NO NON VOGLIO NIENTE  PA'
ABBRACCIAMI TI VA
IERI TRENTADUE ORE FA
HO CHIESTO A MIO FRATELLO
SE HA STUDIATO PIRANDELLO
O SI E' FOTTUTO PURE LUI IL CERVELLO
CON ARKANOID
POI CAMBIA DISCORSO E DICE
E' UN'ATTRICE SI UN'ATTRICE
NON GUARDARLA COME UNA PUTTANA
E' UN'ATTRICE
DI UNA NOTA RECLAME 
E NON E' VERO QUELLO CHE SI DICE
CHE SE LA PAGHI CI STA
FAI COME CREDI QUI CI VIVO ANCH'IO
MA SOTTO UN CIELO CHE NON SENTO PIU' MIO
CON QUESTA LUNA CHE SFIDA DIO
E' COSI' SNELLA CHE PARE UNA CELLA
MI RINCHIUDEREI FINO A DOMANI
PER SCRIVERTI LA LETTERA PIU' BELLA
L'AFFIDEREI SOLTANTO ALLE TUE MANI
PORTATA DA UNA STELLA
MA NON SONO IO NON SEI TU NEANCHE DIO
CHI HA STOFFA SI ALZI SU  
PERO' TU RESTA GIU'
SENNO' TI SVESTONO ANCHE DI PIU'
INTANTO IL TEMPO VA
SU QUESTA POZZA CHE STAGNA
CHE E' LA POLITICA CHE FA POLITICA
E DI PIU' NON MI HA VOLUTO DIRE
TUTTO E' POLITICA
CHE NON C'E' PACE SE NON C'E' UNA GUERRA
CHE SEI UN LUMINO DENTRO LA CAVERNA
DELLA POLITICA
FAI COME CREDI CI RESPIRO ANCH'IO
MA SOTTO UN CIELO CHE VORREI FARE MIO
CON QUESTA LUNA CHE ACCAREZZA DIO
E' COSI' BELLA NON VORREI SPARISSE
IN UN DOMANI COME IN UN ECLISSE
CHE QUESTA VITA E' GIA' UNA SCAPPATELLA
SE NON LA STRINGI FORTE TRA LE MANI
ALMENO C'HA UNA STELLA 
TUTTO CIO' CHE ABBIAMO RECUPERATO
E' STATO PERSO
TUTTO CIO' CHE CI E' RIMASTO
E' L'OMBRA ORMAI DI SE STESSO
MA STIAMO ANCORA IN PIEDI
AL CENTRO DELL'UNIVERSO
COME SPIEDI COME SPIEDI
INFILATI E NON SOLTANTO PER DIRE
COME SPIEDI
TUTTI QUA
IN CODA ALLA BANCA DEL SEME
A FABBRICARCI L'ETERNITÀ
E CHI CI SALVERÀ
ABITUATI COME SIAMO A DELEGARCI
TUTTI ALL'ALDILÀ
E' INUTILE PENSAVO
A UN DOMANI SENZA NEBBIA
I GIORNI SI AVVICINANO
COME UN TEMPORALE ESTIVO
ORA MI SPOGLIO ORA MI VESTO
E COME UN VERME NUDO ESCO
POI TRAVESTITO DA SERPENTE
MIMETIZZARMI TRA LA GENTE
PER NON LEGARMI MAI PIU' A NIENTE
E PARTIRE
LO SO DEVO PARTIRE
DAVVERO NO
MICA MI VUOI SEGUIRE
MA DOVE VUOI CHE VADA
SONO ANCORA SULLA 
STESSA STRADA CHE HAI LASCIATO
DA MEZZ'ORA ALMENO
DA UN DOMANI CHE SI AFFACCIA
AGLI ORIZZONTI PIU' LONTANI 
LE OMBRE ALIENANTI SI FANNO PIU' SCURE
NON C'E' RIPARO PER QUESTO DOLORE
E QUESTO SAREBBE NOSTRO FIGLIO
SE NON CI AVESSIMO DATO UN TAGLIO
QUANTO MI MANCHERAI A SETTEMBRE
SPERO TI BASTI PER PROVARTI
CHE ANCH'IO NON POSSO RINUNCIARTI
CHE NON MI HAI AMATO INUTILMENTE
TI PREGO REGGIMI LE MANI
DEVO PARTIRE
MA COME VUOI CHE VADA
SONO A UN PASSO DALLA NOSTRA CASA 
SVALIGIATA NEI CARTONI HO MESSO
FATTI QUOTIDIANI E CARTE FALSE
DI UN NOSTRO DOMANI
E VADA COME VADA
SONO ANCORA
SULLA STESSA STRADA
I GIORNI SI AVVICINANO
E LA NEBBIA ATTORNO A NOI
SI DIRADA
MA E' SOLO UN TEMPORALE ESTIVO
E OGGI SEMBRA IL CIELO
CHE CADE
NUDO
SONO ANCORA
HAI MAI PENSATO DI ESSER SOLO UNA PEDINA
CHE INTENDE FARE SCACCO MATTO ALLA REGINA
TI SEI MAI CHIESTO PERCHE' NON TI SEI PIU' MOSSO
UNA MEZZA IDEA IO CE L'AVREI FORSE TI HO SCOSSO
HAI MAI PENSATO DI ESSER SOLO UNA SCACCHIERA
O QUELL'ALFIERE CHE SI BUTTA DALLA TORRE
TI SEI MAI CHIESTO COSA MANGI COL CAVALLO
SE IL RE LO SCOPRI E NON TI CURI DEL SUO INGAGGIO
E SE TI TREMANO LE GAMBE NON SO COME FARE
PERCHE' MI FA INCAZZARE IL MODO CHE HAI DI RINUNCIARE
CREDI SIA FACILE PER ME DOVERTI ASSECONDARE
IN QUESTO POZZO SENZA FONDO QUANTO HO DA SCAVARE
NON TI SCALDARE
MA QUALE GIUDICARE
IL VITTIMISMO
NON SI SPOSA ALLA MORALE
MI HAI DETTO CHE
MANGI IL TONNO
IL MUTUO HAI DA PAGARE
PARSIMONIOSO QUANTO BASTA
NIENTE DA OBIETTARE
LO DICI A ME
CHE HO UN FRIGO VUOTO DA SFAMARE
E UNA STANZA CONFINANTE CON UNA CHE E' DA INTERNARE
E PASSO IL GIORNO
A PICCHIARE SUL MIO MURO
AL POSTO MIO NON LE DARESTI UN CALCIO IN CULO
AH GIA'... MA TU ALLA DAMA BIANCA
NON SAI RINUNCIARE
ALMENO LEI TI LASCIA
UN POCO RESPIRARE
TI SEI MAI CHIESTO PERCHE' NON CONCLUDE NIENTE
CHE SI ACCONTENTA DELL'AVANZO IN MEZZO AL DENTE
HAI MAI PENSATO DI SPRECARE IL TUO TALENTO
IN QUEI PROGETTI A CUI NON RIESCI DARE UN PESO
E SE TI PRUDONO LE MANI NON SO COME FARE
PERCHE' TI STIMO E IN FONDO A TE NON VOGLIO RINUNCIARE
CREDI SIA FACILE PER ME DOVERTI ASSECONDARE
IN QUESTO POSTO A PREZZO FISSO QUANTO HO DA PAGARE
NON TI AGITARE
MA QUALE RINGRAZIARE
IL VITTIMISMO 
NON SI SPOSA ALLA MORALE
MI HAI DETTO CHE
PRIMA COSA SECONDA COSA
PER TERZA COSA MI RIATTACCHI IN FACCIA IL CELLULARE
LO DICI A ME 
CHE COMPRENDO IL TUO FERVORE
NON CERTO QUELLO DI UNA STRONZA COLOMBIANA DA INTERNARE
E PASSA IL GIORNO 
A PICCHIARE SUL MIO MURO
AL POSTO MIO NON LE DARESTI UN CALCIO IN CULO
AH GIA'... MA TU ALLA DAMA BIANCA
NON SAI RINUNCIARE
ALMENO LEI TI LASCIA
UN POCO RESPIRARE
SI TU ALLA DAMA BIANCA 
NON SAI RINUNCIARE
ALMENO LEI TI LASCIA 
UN POCO RESPIRARE
IL GAS SI SPEGNE
SI CHIUDONO LE AZIENDE
QUALCOSA MANCA SEMPRE
PER LE FERIE D'AGOSTO
IL CANE DAL PARENTE
IL VECCHIO A CHI LO PRENDE
"SE NON SI OFFENDE"
DA QUANDO E' INCONTINENTE
PER LE FERIE D'AGOSTO
SI LO SO 
SI LO SO
CHE MI DOVREI ACCONTENTARE 
MA PERO'
MA PERO'
AL MARE VOGLIO TORNARE
STENDERE IL TELO IN SPIAGGIA
SCOTTARSI SULLA SABBIA
"FARE L'AMORE"
COME ANIMALI IN GABBIA
PER LE FERIE D'AGOSTO
SI LO SO 
SI LO SO
ME LE DOVREI MERITARE
MA PERO'
MA PERO'
QUAL E' IL PREZZO DA PAGARE
HO PERSO IL LAVORO
VALEVA ORO 
MA HO PRESO UN TRENO
CHE PORTA ALLORO
IL MIO EX-PADRONE
LUI SI E' ARRICCHITO
NASCOSTO SEMPRE
DIETRO AD UN DITO
NEMMENO A DIRGLIELO E' PARTITO
E TUTTI A SALUTARE
NESSUNO PUO' MANCARE
IN QUEL TRATTO AUTOSTRADALE
PER LE FERIE D'AGOSTO
SI LO SO 
SI LO SO
CHE MI DOVREI RASSEGNARE
MA PERO'
MA PERO'
DA SOLO NON VOGLIO STARE
PER LE FERIE D'AGOSTO
ANCHE PER ME E' AGOSTO
COSA NASCONDI
DENTRO L'ARMADIO
OLTRE AL BLU VELLUTO
E UNA TENDINA IN RASO
BIANCA COME I POIS
IL TUO PIGIAMA MINUTO
NON E' LA LUNA
CHE IMBROGLIA IL CIELO
MA LE STELLE CADUTE
SPARSE SUL PAVIMENTO
CHE BRILLANO MUTE
LA TUA IN MEZZO ALTRE CENTO
SE FOSSI UN CARCERIERE
E TU LA MIA PRIGIONE
NASCONDEREI LA CHIAVE
E L'ORA D'ARIA
LA LASCEREI AL TUO SOLE
MA SONO SOLO UN UOMO
E UN UOMO E' IL SUO LAVORO
E LA MATTINA E' UN RISVEGLIO
IL MIO RESPIRO E' BRINA
SEMPRE LO STESSO TRENO
CON SEI VAGONI DI MENO
NON VEDI E' COSI' PIENO
CHE ANCHE UN SORRISO PUO' ESSER VELENO
E IO
CHE SONO SOLO UN UOMO
CHE VOGLIO ESSERE COME UN UOMO
E NON UN ESSERE COME UOMO
PER RITORNARE
E RITORNARE
IN QUEGLI ORARI ESTRANEI
DOVE FINISCE L'OGGI
E NON SI E' ANCORA A DOMANI
PARLARTI DEL MIO CANE
E NON DEI MIEI SOGNI NANI
NON E' DI FERRO
IL FILO CHE CI UNISCE
TAGLIARLO NON C'E' RAGIONE
PERCHE' IL CAPO L'HO LEGATO A UN LAMPIONE
PERCHE' NESSUNO E' PADRONE
SCEGLI TRA IL VENTO
E L'AQUILONE
MA SONO SOLO UN UOMO
E UN UOMO E' IL SUO DOMANI
E LA MATTINA E' UN RISVEGLIO
CHE CI SEPARA LE MANI
SEMPRE LO STESSO TRENO
CHE NON MI PORTA LONTANO
AMORE E' COSI' ALIENO
CHE OGGI UN AMICO MI HA FATTO L'INDIANO
E IO
CHE SONO SOLO UN UOMO
CHE VOGLIO ESSERE COME UN UOMO
E NON UN ESSERE COME UOMO
IL TUO UOMO
ORNELLA PARLA CON GESU'
ORNELLA NON MI CHIAMA PIU' 
ORNELLA PARLA CON GESU'
ORNELLA NON MI CHIAMA PIU' 
MA COSA AVRA' LUI PIU' DI ME
CHE DI ANNI NE HA GIA' TRENTATRÉ
HA ANCORA IN TESTA I SUOI CAPELLI E CON CIVETTERIA
MOSTRA UNA BARBA INCOLTA DI TRE GIORNI
O DI DUEMILA ANNI E POI
HA LO SGUARDO PURO DI SUA MADRE
LA VERGINE MARIA 
CHE PER AVERLO CONCEPITO 
PURA CREDO PIU' NON SIA
VABBE' VABBE' QUESTO SI SA
CHE UN PADRE PURE LUI CE L'HA
CHE SE NE STA UN PO' QUA UN PO' LA'
CHE HA IL DONO DELL'UBIQUITÀ
E AL BUON GIUSEPPE LA PATRIA POTESTÀ
E L'HA CRESCIUTO COME UN FIGLIO
ANCHE SE NON SOMIGLIA ALLA FOTO 
DELLA SUA CARTA D'IDENTITÀ
ORNELLA PARLA CON GESU'
ORNELLA NON MI CHIAMA PIU' 
ORNELLA PARLA CON GESU'
ORNELLA NON MI CHIAMA
ORMAI E' DA GIORNI CHE E' COSI'
GE SU GE GIU' GE VIENI QUI
SE HAN FAME SPEZZA IL PANE
E QUANDO HAN SETE NON CI CREDERETE
LA RESSA GLI  SI FORMA INTORNO
PERCHE' TRASFORMA L'ACQUA IN VINO
E QUESTO BASTA GIA'
PER ESSER BEN VOLUTO MA
SE POI A QUALCUNO NON VA GIU'
LUI PER STUPIRE FA DI PIU' 
A UN MENDICANTE CIECO GLI HA SPUTATO
IN FACCIA E MUOIA ILLESO 
SE QUEL CHE DICO NON E' VERO
HA APERTO GLI OCCHI A UN CIELO
CHE NON CONOSCEVA PIU'
E C'E' CHI PRETESE INDIETRO IL SOLDO TESO
ORNELLA PARLA CON GESU'
ORNELLA NON MI CHIAMA PIU' 
ORNELLA PARLA CON GESU'
ORNELLA NON MI CHIAMA
E TRA GLI ULIVI GLI HO CERCATI ED ERAN TUTTI LI'
ACCAMPATI PERFINO PIETRO L'ELETTRAUTO
CHE E' MESI CHE GLI HO DATO L'AUTO
MA PARE STIA CAMBIANDO ATTIVITÀ
INSIEME A GIACOMO E GIOVANNI
CHE HA GIA' TRE PANETTERIE MA SEMBRA 
VOGLIA APRIRNE ALTRE NOVE
IN SOCIETÀ E PER OGNI APOSTOLO
UN POSTO CI SARA' SE DA UNA MOLLICA DI PANE 
GESU' NE SFORNA POI UN QUINTALE
CON QUESTA ROBA SAI CHE AFFARE
E DOPO UNA PIPPATA DISSE
GIUDA CHI NON CI STARA' 
E ' MEGLIO CHE VADA QUI SI METTE MALE
ORNELLA PARLA CON GESU'
ORNELLA NON MI CHIAMA PIU' 
ORNELLA PARLA CON GESU'
ORNELLA NON MI CHIAMA
E FU COSI' CHE GIUDA L'ISCARIOTA
CON LA SCUSA DI QUEL BACIO SULLA GOTA 
A GESU' TUTTO RIFERI' D'UN FIATO
E SCAGLIO' UNA PIETRA PER AVER PECCATO
REO PER AVER SODOMIZZATO 
A PECORA UNA PECORA CHE IN UN BELATO
AVEVA DISTURBATO 
LA CACCIA DI UN SOLDATO DEPILATO
CHE IMBOSCANDOSI HA FIUTATO
IL BUSINESS TRA GLI APOSTOLI
TRAFFICANTI DI ESTASI
E CON UN SALTO SI E' FIONDATO
SUL MALCAPITATO CHE VISTO E CONSIDERATO
TRA TUTTI IL PIU' IDOLATRATO 
ORNELLA PARLA CON GESU'
ORNELLA NON MI CHIAMA PIU' 
ORNELLA PARLA CON GESU'
ORNELLA NON MI CHIAMA
E PIETRO IL PIU' FIDATO E' TRA COLORO
CHE PER PRIMO VENNE INTERROGATO
MA LUI RINNEGO' TRE VOLTE IL NOME D ATO
VIGLIACCO DI UN RACCOMANDATO
MENTRE UN BARABBA GIA' TIRAVA IL FIATO
PER LUI POLLICE IN SU GRAZIATO
E UN POLLICE ABBASSATO 
PER GESU' CHE VENNE CONDANNATO
AL POSTO DI UN PREGIUDICATO
L'ANARCHICO CHE HA UCCISO 
UN SERVO DELLO STATO HANNO SALVATO
COSI' HO CAPITO HO REALIZZATO
CHE DI UN MIRACOLO SI ERA TRATTATO
PER MANO DI COLUI CHE IL POPOLO
POI AVREBBE AMATO
E CERTAMENTE COME AVEVA ATTESO
GIORNI DOPO LO TROVAI APPESO A UNA CROCE 
IN MEZZO A DUE LADRONI E A MEZZA VOCE
DISSE E' L'INIZIO DEL MIO IMPERO
MENTRE DUE CORVI SULLA TESTA 
ERANO PRONTI A FARGLI FESTA
E POCO PRIMA DI SPIRARE
GIURO IMPRECO'
CHISSA' SE DIO ESISTE CHISSA' SE DIO C'E'
O SE E' SOLO UN FUMETTO 
PIU' VECCHIO DI ME
CHISSA' SE DIO ARRIVA CHISSA' SE DIO E' QUA
O SE DI UN FIGLIO DI TROIA
E' IL PADRE CHE MAI VEDRA'
DENTRO UNA LAVANDERIA A GETTONI
OSSERVO UN VALZER DI BUCATO
GIALLI BLU VERDI ARANCIONI 
QUEI SAPONI IN PROMOZIONE
CHE RISPETTANO I COLORI
DAGLI OBLO' PROFUMI BUONI
FUORIESCONO A CARPONI
PER DISTENDERSI IN UN PRATO
DI LAVANDA E DI GINEPRO
DOPO UN ACQUAZZONE PIGRO
QUANDO UN PO' DI LUCE MANDA
COME APRIRE UN FRIGO
SE OGNI LASCIATA E' PERSA
NON LO SO
PERO' CI STO
E SCORRONO I GIORNI
TRA ANDATA E RITORNI
SENZA MUOVERSI
DA LUNEDI' A LUNEDI'
A FAR QUADRARE QUEI GIORNI
CHE DAL CENTRO AI DINTORNI
POI SE NE STANNO LI' 
TRA L'ESSELUNGA E L'UPIM 
SULL'ASFALTO ACCIOTTOLATO 
COL MANUBRIO ARRUGGINITO
IN SELLA AD UN CATORCIO ANDATO
COME I SOGNI CHE HO LANCIATO
IN CONTROMANO FILO DRITTO A CASA
MENTRE UN CAPANNELLO DI STUDENTI 
ASPETTA COME UN DIRITTO
UN TRAM CHE E' GIA' PASSATO 
SE OGNI LASCIATA E' PERSA
NON LO SO
PERO' CI STO
E SCORRONO I GIORNI
TRA ANDATA E RITORNI
SENZA MUOVERSI
DA LUNEDI' A LUNEDI'
A FAR QUADRARE QUEI GIORNI
CHE DAL CENTRO AI DINTORNI
POI SE NE STANNO LI' 
TRA L'ESSELUNGA E L'UPIM 
MAGARI FOSSI CAPACE 
DI CAMBIARE STRADA
MA IN FONDO NON MI DISPIACE
E VADA COME VADA
NON DOVRO' RENDERNE CONTO
SE NON A ME 
A FAR QUADRARE QUEI GIORNI
CHE DAL CENTRO AI DINTORNI
POI SE NE STANNO LI' 
TRA L'ESSELUNGA E L'UPIM 
LINGUA BUGIARDA LINGUA BUGIARDA
NON TI SEI ACCORTA C'E' CHI TI GUARDA
MA LA TUA DOTE E' DI ESSER SINCERA
NON SEI DI CERA NON SEI DI CERA
NON C'E' NESSUNO NON C'E' NESSUNO
NEMMENO L'OMBRA DI UN PADRE UN FRATELLO
GIUSTO IL VICINO HA ORECCHIE SUL MURO
MA NON E' QUESTO SIAMO AL SICURO
SONO DA SOLA CON IL MIO AMORE
PERCHE' STASERA MI CIBO D'AMORE
PASSAMI IL SALE IL CAVOLO E' CRUDO
METTIMI A NUDO METTITI A NUDO
E SE LA STANZA E' TROPPO SOFFUSA
SCOSTA LA TENDA LASCIA CHE TI PRENDA
COME DUE AMANTI E COME DUE SPOSI
COME DUE AMANTI E COME DUE SPOSI
MA L'OCCHIO ASTUTO VUOLE VEDERE
E MISURARE IL SUO SENSO MIGLIORE
FORSE IL PEGGIORE IN QUANTO A RIGUARDO
COME LO SGUARDO COME IL SUO SGUARDO
E SONO DUE AMANTI E SONO DUE SPOSI
LUI E' UN AUTORE E LEI UNA BALLERINA
UNA SULL'ALTRO E L'ALTRO E' SUL FUOCO
CHE BRUCIA LENTO NON E' PER POCO
E SOLO QUEI CORPI BRUCIANO ALL'OMBRA
DALLO SPIRAGLIO COME UN SIPARIO
GIUSTO IL VICINO SOLO UNO SGUARDO
FIN TROPPO INGORDO OCCHIO BALORDO
LINGUA BUGIARDA LINGUA BUGIARDA
NON TI SEI ACCORTA C'E' CHI TI GUARDA
MA LA TUA DOTE E' DI ESSER SINCERA
NON SEI DI CERA NON SEI DI CERA
MA NON FA IN TEMPO E IL FUOCO CONSUMA
FINO ALLA BRUMA CI LASCIA SCOPERTI
COME DUE AMANTI E COME DUE SPOSI
OCCHI CURIOSI CORPI CORROSI
E DENTRO QUEI FUOCHI BRUCIANO ALL'OMBRA
SI FERMA IL VENTO ANCORA UN MOMENTO
GIUSTO UN RESPIRO DA SOTTOFONDO 
COME A SCANDIRE BREVE IL SECONDO 
SOLO UN RESPIRO DA SOTTOFONDO
COME A SCANDIRE BREVE IL SECONDO
A FINALE
LA VITA E' UGUALE
NEL FESTIVO
COME AL FERIALE
MA ALL'IMBRUNIRE
IO MI SENTO MORIRE
IO MI SENTO MORIRE
A FINALE
SUI FRANGIFLUTTI
ME NE STO A RIVA
COI SASSI ASCIUTTI 
MA ALL'IMBRUNIRE..
A FINALE 
C’E’ SEMPRE VENTO
COSI’ MI ABBRONZO
SENZA UN LAMENTO
MA ALL'IMBRUNIRE..
A FINALE
COL FIATO CORTO
ME NE STO A GALLA
FACENDO IL MORTO
MA ALL'IMBRUNIRE..
A FINALE 
LA VITA VALE
SE C'HAI UNA SDRAIO
DAVANTI AL MARE
A FINALE
AVANTI E INDIETRO
INDIETRO E AVANTI
SUL LUNGO MARE
MA ALL'IMBRUNIRE..
A FINALE
LA VITA SALE
SU A FINAL BORGO
PER DIGIUNARE
MA ALL'IMBRUNIRE..
A FINALE
NON VADO A MESSA
MA PREGO A CHIESA
UNA PLATESSA
MA ALL'IMBRUNIRE..
A FINALE
LA VITA E' CORTA
SE SULL'AURELIA
PRENDI UNA STORTA
MA ALL'IMBRUNIRE..
A FINALE
LA MIA PENSIONE
C’HA IL CESSO ROTTO
E MI COSTA UN MILIONE
MA ALL'IMBRUNIRE..
A FINALE
STO GIA' DORMENDO
E FORSE E' IL MOMENTO
CHE STO VIVENDO
MA ALL'IMBRUNIRE
IO MI SENTO MORIRE
IO MI SENTO MORIRE
A FINALE